Prezzi degli energetici: tagli alla domanda e ottimizzazione dei consumi saranno i due imperativi del prossimo inverno

Aggiornamento settimanale degli energetici

.

Energetici Petrolio Gas Naturale Carbone Analisi settimanale energetici

A cura di:

Gas Naturale

Alla chiusura di venerdì 9 settembre sul mercato del gas naturale si sono registrati i seguenti livelli di prezzo1:

  • TTF Olanda 207.1 €/MWh (-7.6 €/MWh)
  • PSV Italia 200.8 €/MWh (-29.7 €/MWh)
  • HenryHub USA 27.4 €/MWh (-2.9 €/MWh)
  • NBP Regno Unito 150.2 €/MWh (-13.1 €/MWh)
  • JKM Asia 183 €/MWh (-5.6 €/MWh)

Grafico 1: Andamento prezzo del gas naturale TTF e confronto tra i mercati finanziari

Venerdì i ministri dell’UE hanno discusso gli interventi di emergenza nella riunione straordinaria del Consiglio Energia. Dibattito incentrato sulle possibili misure per limitare i prezzi del gas e dell’energia elettrica. Gli sforzi saranno concentrati soprattutto sulla riduzione della domanda nelle ore di punta: il risparmio energetico e l’ottimizzazione dei consumi saranno le colonne portanti del prossimo inverno.
Altro punto toccato è quello dell’introduzione di un tetto massimo dei ricavi ai produttori di energia elettrica che non utilizzino come combustibile il gas. Ci si aspetta una proposta legislativa dalla Commissione Europea già nella giornata di domani. Per ora invece rimane soltanto un’ipotesi di price cap, su cui i punti di vista dei paesi membri sono diversi e distanti: è stata richiesta una valutazione d’impatto alla Commissione.
Per quanto riguarda i prezzi, nel breve periodo la discesa delle quotazioni al TTF potrebbe essere una prova della fiducia dei mercati sulla possibile efficacia delle misure, mentre i prossimi movimenti nel medio periodo dipenderanno in gran parte dall’inizio della stagione invernale.
Attualmente, a livello di stoccaggi, la media europea è dell’82.8% (84.5% l’Italia, con previsione di raggiungere il 90% entro il 1 Ottobre): un dato tuttavia positivo, che è però destinato a deteriorarsi rapidamente nel momento in cui la domanda di gas per il riscaldamento inizierà a raggiungere i livelli stagionali; a quel punto sentiremo il peso dei bassissimi flussi di gas dalla Russia. Da qui la fondamentale importanza delle misure a livello comunitario.

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia

Petrolio

Sul mercato petrolifero, invece, venerdì 9 settembre il Brent è stato quotato a 92.8 $ al barile (-0.2 $), l’Oman/Dubai a 87.1 $ al barile (=), mentre il WTI ha raggiunto i 86.8 $ al barile (-0.1 $).

Grafico 2: Andamento prezzo del petrolio

Questa mattina i benchmark petroliferi sono stati scambiati leggermente al ribasso per via dei timori del crollo della domanda a seguito delle restrizioni anti COVID in Cina: si ipotizza un calo del traffico stradale pari al 20% durante il weekend del Festival di metà autunno (appena trascorso) rispetto al 2021, dato intrinsecamente collegato alla domanda di petrolio. Lo stesso dovrebbe ripetersi nel mese di ottobre, in occasione della Golden Week cinese, periodo di festività solitamente caratterizzato da un grande traffico automobilistico, che quest’anno sarà ridimensionato dalle restrizioni. Altro fattore ribassista potrebbe essere il potenziale aumento dei tassi di interesse in USA ed Europa.

Carbone Termico

Si segnala infine, il prezzo del carbone termico spot Europa che venerdì è stato quotato a 335.4 €/Ton (-40.9 €/Ton), mentre il prezzo del carbone termico spot Australia ha raggiunto i 433.1 €/Ton (-2.2 €/Ton).

Grafico 3: Andamento prezzo del carbone termico Europa

Continuano i problemi legati alla capacità massima delle navi trasportatrici: con il livello del Reno così basso, anche i carichi sono molto limitati. Ciò si intreccia al tema della produzione di energia elettrica, con molti paesi europei che stanno tornando ad affidarsi al carbone in sostituzione del gas naturale come combustibile (la Germania, ad esempio, nei primi sei mesi dell’anno ha generato il 17.2% in più di energia elettrica da carbone rispetto a 12 mesi fa). Se tale trend continuerà, come è prevedibile, il trasporto del carbone assumerà un ruolo sempre più determinante.
Cauto ottimismo arriva dalle previsioni meteorologiche, secondo cui le precipitazioni nel prossimo periodo dovrebbero essere generose.


1. Il prezzo del gas naturale nei diversi mercati finanziari fa riferimento al prezzo registrato venerdì 9 settembre 2022. Il valore in parentesi indica la differenza con il venerdì precedente.