Tagli ai consumi e aumenti dei prezzi: avanza l’incertezza nel settore energetico europeo

Aggiornamento settimanale degli energetici

.

Energetici Petrolio Gas Naturale Carbone Analisi settimanale energetici

A cura di:

Gas Naturale

Alla chiusura di venerdì 29 luglio sul mercato del gas naturale si sono registrati i seguenti livelli di prezzo1:

  • TTF Olanda 190.9 €/MWh (+29.5 €/MWh)
  • PSV Italia 210 €/MWh (+54 €/MWh)
  • HenryHub USA 27.8 €/MWh (-0.3 €/MWh)
  • NBP Regno Unito 144.5 €/MWh (+18.7 €/MWh)
  • JKM Asia 141.3 €/MWh (+10.7 €/MWh)

Grafico 1: Andamento prezzo del gas naturale TTF e confronto tra i mercati finanziari

La settimana passata ha visto i prezzi del gas naturale in Europa aumentare, dopo aver registrato il più grande aumento settimanale degli ultimi 40 giorni: la stretta della Russia sull'offerta crea non pochi problemi all'economia e accresce le preoccupazioni per l’effettiva disponibilità di materia prima in inverno.
I prezzi di riferimento sono aumentati fino al 6.5% e sono più di quattro volte superiori rispetto a un anno fa. Sabato, la russa Gazprom ha interrotto le forniture alla Lettonia, affermando che la nazione baltica aveva "violato le condizioni" dei suoi acquisti. Questo fatto si aggiunge alle crescenti preoccupazioni per ulteriori tagli all'Europa che minacciano di spingere la regione in recessione.
Inoltre, la scorsa settimana la Russia ha ridotto a sorpresa le forniture attraverso il principale gasdotto Nord Stream ad appena il 20% della sua capacità. Il motivo ufficiale è un’ulteriore processo di manutenzione ad un’altra turbina, anche se il sospetto di una mossa politica resta sullo sfondo. I flussi attraverso il collegamento sono stati ancora più bassi domenica, prima di mostrare segni di ritorno a tale livello all'inizio della giornata di oggi.

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia

Petrolio

Sempre venerdì 29 luglio, sul mercato petrolifero, il Brent è stato quotato a 104 $ al barile (+5.6 $), l’Oman/Dubai a 98.1 $ al barile (+5.6 $), mentre il WTI ha raggiunto i 98.6 $ al barile (+3.9 $).

Grafico 2: Andamento prezzo del petrolio

Le quotazioni del petrolio Brent oscillano nell’intorno della soglia psicologica dei 100 $ per barile, leggermente più bassi invece il WTI e l’Oman/Dubai. Venerdì scorso i prezzi sono saliti leggermente rispetto ai giorni precedenti a causa di alcune indiscrezioni sul fatto che l’OPEC+ non avrebbe in programma nuovi incrementi della produzione nei prossimi mesi: il gruppo si riunirà mercoledì 3 agosto per decidere l’output del mese di settembre.
La settimana è iniziata con una nota ribassista, guidata principalmente dai dati della produzione industriale in Cina e Giappone: l’indice PMI cinese a luglio è sceso a 50.4 punti, in calo dai 51.7 di giugno, ben al di sotto delle aspettative. L’economia nipponica invece, nonostante sia in continua crescita, ha fatto registrare il tasso di incremento più basso degli ultimi 10 mesi, rallentata dall’inflazione.

Carbone Termico

Si segnala infine, il prezzo del carbone termico spot che venerdì è stato quotato a 380.5 €/Ton (+11.2 €/Ton).

Grafico 3: Andamento prezzo del carbone termico Europa

Il continuo incremento delle quotazioni del gas naturale e gli impegni dell’UE a ridurne del 15% il consumo durante il prossimo inverno, potranno spingere i prezzi del carbone ancora più in alto nei giorni a venire: i primi effetti si intravedono sulle quotazioni dei future, in netto aumento nel corso dell’ultima settimana. Si prevede che nei primi 10 giorni di agosto arriveranno in Europa almeno 10 navi cariche di carbone provenienti da Russia e Lettonia: due di queste dovrebbero arrivare proprio il 10 agosto, data in cui entrerà in vigore il divieto di importare il carbone russo. Il livello idrico del Reno scenderà ulteriormente nei prossimi giorni, il che aggraverà ulteriormente il trasporto del materiale nell’Europa centrale. Le esportazioni in Australia continuano a crescere: questa settimana dal porto di Newcastle partiranno circa 4.3 milioni di tonnellate, il valore più alto degli ultimi anni.


1. Il prezzo del gas naturale nei diversi mercati finanziari fa riferimento al prezzo registrato venerdì 29 luglio 2022. Il valore in parentesi indica la differenza con il venerdì precedente.