Aumentano le tensioni sul mercato energetico

Andamento settimanale degli energetici

.

Energetici Petrolio Gas Naturale Carbone Analisi settimanale energetici

La scorsa settimana si è chiusa con i prezzi del petrolio ancora alle stelle. Non accenna infatti a diminuire la curva dei prezzi giornalieri che, venerdì 27 maggio, ha toccato il massimo degli ultimi due mesi. Il Brent è stato quotato a 119.4 $ al barile (+6.9 $), l’Oman/Dubai a 107.8 $ al barile (+4.9 $), mentre il WTI ha raggiunto i 115.1 $ al barile (+1.8 $).

Grafico 1: Andamento prezzo del petrolio
Andamento prezzo del petrolio

Gli aumenti dei prezzi del greggio, registrati nella settimana appena conclusa, riflettono da un lato l’allentamento dei blocchi Covid-19 in Cina e dall’altro il tentativo da parte dell’UE di concludere l’accordo sull’indipendenza energetica russa in vista del vertice dei leader europei, che si terrà a Bruxelles il 30-31 maggio.
I leader dell'UE intendono raggiungere un accordo politico sull'embargo del petrolio russo per punire Mosca in seguito alla sua invasione dell'Ucraina. Nonostante le proposte volte a garantire un flusso continuo di forniture di petrolio, l'Ungheria si è finora rifiutata di sostenere un compromesso. Per tale motivo i paesi dell'UE non sono ancora riusciti a concordare un divieto unanime di importazione.
La bozza di testo vista da Reuters confermerebbe che il sesto pacchetto di sanzioni dell'UE includerà il divieto delle importazioni di petrolio marittimo, mentre il petrolio esportato via oleodotti a Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca (senza sbocco sul mare) sarà bloccato successivamente. Tra le operazioni contenute nella bozza, ci sarebbe anche la creazione di un fondo internazionale per ricostruire l'Ucraina dopo la guerra.

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia

Alla chiusura di venerdì 27 maggio sul mercato del gas naturale si sono registrati i seguenti prezzi1:

  • TTF Olanda 91.6 €/MWh (+1.3 €/MWh)
  • PSV Italia 84.2 €/MWh (-10.5 €/MWh)
  • HenryHub USA 28.1 €/MWh (+1.7 €/MWh)
  • NBP Regno Unito 69.7 €/MWh (+1.6 €/MWh)
  • JKM Asia 72 €/MWh (+2.4 €/MWh)

Grafico 2: Andamento prezzo del gas naturale TTF e confronto con tra i mercati finanziari
Andamento prezzo del gas naturale

 

Per la seconda settimana consecutiva, i prezzi spot del gas naturale continuano ad essere minori dei futures a 6 mesi (fase c.d. di contango2).
Le spedizioni di gas russo sono rimaste stabili questa settimana, anche se al di sotto dei livelli storici. I principali acquirenti europei hanno trovato il modo di soddisfare le richieste di pagamento in rubli richieste da Mosca senza violare le sanzioni dell'UE3.
L'Europa ha aumentato le importazioni di gas naturale liquefatto per affrontare eventuali problemi di approvvigionamento futuri. La produzione dai terminal di importazione nel continente è aumentata ai livelli più alti degli ultimi cinque anni e si prevede che almeno 10 carichi dagli Stati Uniti arriveranno nei primi giorni di giugno. In generale si prevede che una maggiore quantità di gas potrebbe essere disponibile per l'Europa dato che i flussi verso la Cina saranno limitati, a causa dei blocchi legati al Covid-19. Tuttavia, è probabile che la domanda aumenti altrove in Asia, attirando a sé più flussi a fine luglio e agosto e ciò potrebbe significare che l'Europa dovrà pagare un premio per attrarre maggiori carichi.

Grafico 3: Andamento prezzo del carbone termico Europa

Si segnala infine, il prezzo del carbone termico spot che venerdì è stato quotato al prezzo di 271.4 €/Ton (-50 €/Ton) .


1. Il prezzo del gas naturale nei diversi mercati finanziari fa riferimento al prezzo registrato venerdì 13 maggio 2022. Il valore in parentesi indica la differenza con il venerdì precedente.
2. Termine finanziario che indica una situazione “normale”, in cui il prezzo del contratto con scadenza a lungo termine “Future” è maggiore di quello con scadenza a breve “Spot”.
3. La situazione di stallo in precedenza aveva portato all'interruzione delle forniture a Polonia, Bulgaria e Finlandia.