L’FMI declassa la crescita economica globale: l'impatto sui mercati

Una overview sulle tendenze in atto nel panorama delle commodity

.

Non Ferrosi Carbone Settimana Finanziaria Materie Prime

Nonostante la chiusura per festeggiare il lunedì di Pasqua, è stata una settimana impegnativa per i mercati finanziari Occidentali, messi alla prova sia dalle ultime dichiarazioni di Powell e dal recente rilascio del World Economic Outlook da parte del Fondo Monetario Internazionale (FMI).
Considerando il difficile quadro congiunturale, l'istituzione di Washington ha corretto al ribasso le previsioni di crescita per l’economia mondiale, tagliando di 0.8 punti sul 2022 e di 0.2 punti sul 2023 le stime di gennaio, adesso entrambe al 3.6%. Sulle stime per l’eurozona, pesano fortemente la dipendenza di Italia e Germania dalle importazioni di energia dalla Russia. In questo contesto, è prevista una crescita del 2.8% di crescita quest'anno e 2.3% il prossimo, con tagli rispettivamente di 1.1 punti e 0.2 punti. Nel frattempo, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha prospettato un approccio più aggressivo per domare l’inflazione, non escludendo un rialzo dei tassi di mezzo punto percentuale nell'incontro di maggio. Tali prospettive hanno impattato negativamente sull’umore della borsa di Wall street e delle principali piazze europee, che nell’ultima seduta della settimana si sono mosse in calo.

Grafico 1: Confronto indici azionari europei
Performance dei principali bond decennali

NON FERROSI

Grafico 2: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia dei Metalli non ferrosi
Performance famiglia dei Metalli non ferrosi

Settimana scomposta per i Metalli non ferrosi scambiati a Londra e a Shanghai, che, dopo aver toccato i livelli di massimo nelle prime sedute della settimana, chiudono cedendo terreno. A segnare gli incrementi più decisi troviamo le quotazioni spot del Nichel SHFE, che nella giornata di martedì 19 aprile ha raggiunto quota 34734 €/ton (+3% MA a 3 gg).
Come documentato in un recente articolo, sotto il peso del conflitto in Ucraina e dell’aumento dei contagi in Cina, da diverse settimane è in corso una significativa impennata dei prezzi dello Zinco. Nella giornata di martedì 19 aprile, il prezzo spot sul mercato di Londra ha toccato i 4173 €/ton, per poi indietreggiare nelle sedute successive.
Per quanto riguarda l’Alluminio, l'International Aluminium Association ha reso noto che ad aprile la produzione mondiale di alluminio primario è aumentata del 11.2% rispetto a marzo, guidata principalmente dalla forte ripresa delle attività nelle fonderie delle province cinesi sud-occidentali. Tuttavia, la produzione totale del primo trimestre è ancora in calo del 3% su base trimestrale.

FERROSI

Grafico 3: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia dei Metalli ferrosi
Performance famiglia dei Metalli ferrosi

Sul mercato americano dei Coils a caldo, si conferma il disallineamento di breve-medio periodo (MA a 30 gg) documentato la scorsa settimana, con aumenti dei prezzi spot e flessioni dei prezzi future a 10 mesi. Considerando la media mobile a 3 giorni, si segnala la debole performance del prodotto sul mercato statunitense quotato al CME e sul mercato europeo quotato all’ LME, registrando contrazioni in un range compreso tra il -2.6% e il -0.1%.
Performance scomposta per i Tondini di acciaio provenienti dalla Turchia, con le quotazioni a pronti che allungano notevolmente le distanze sul corrispettivo future, determinando un differenziale tra i due contratti pari a 140 €/ton, il massimo storico.
Per quanto riguarda la dinamica del Minerale di ferro, il mercato sembra essere influenzato da una concomitanza di fattori, tra cui l'indebolimento delle spedizioni da parte dei principali minatori, con le prospettive sulla domanda offuscate dalle preoccupazioni sulla crescita della Cina e dai controlli sulla produzione di acciaio grezzo da parte dell' autorità locale.

ENERGIA

Grafico 4: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli Energetici
Performance famiglia Energia

Dopo che il FMI ha declassato la crescita economica globale, sulla scia delle preoccupazioni per la tenuta della domanda, i prezzi sia spot che future del Brent e del WTI chiudono la settimana in flessione. Secondo alcuni analisti, si possono già intravedere alcuni segnali di una prossima caduta della domanda in risposta all’attuale contesto di prezzi elevati. Infatti, i dati preliminari dell'India mostrano che le vendite di benzina sono scese di quasi il 10% nella prima metà di aprile rispetto allo stesso periodo di marzo. Nel frattempo, le vendite di diesel sono scese di oltre il 15% durante il periodo. Ciò si riflette sulla debole performance settimanale dei future sul Gasolio e sulla Benzina.
Dopo aver solcato i massimi pluriennali all'inizio della settimana, frena la corsa dei prezzi Gas naturale all’Henry Hub, passando dai 7.2 €/Mmbtu di lunedì a 6.38 €/MMbtu. Considerando che ormai si è conclusa la fine della stagione del riscaldamento e la produzione è prevista continuare ad aumentare nei prossimi mesi, un aggiustamento nei prezzi era atteso.
In significativo aumento le Emissioni di CO2, che terminano le ultime tre sedute della settimana segnando il +4.8%.

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia

ALIMENTARI

Alimentari da coltivazioni


Grafico 5: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimentari da coltivazioni
Performance famiglia alimantari da coltivazione

Settimana sottotono per i contratti sul Frumento e lo Zucchero. Dopo i forti scossoni sperimentati a marzo, il prezzo spot del frumento ha notevolmente ridotto i suoi guadagni, con le quotazioni sono prossime a tornare in area di contango.
Brillante rialzo per i prodotti a base di soia (Semi di soia, Farina di Soia e Olio di semi di soia), che sulla media a 3 giorni registrano guadagni intorno all’1%.

Alimentari da allevamenti


Grafico 6: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari da allevamenti
Performance famiglia alimantari da allevamento

L'impatto dei colli di bottiglia al porto di Shanghai sta avendo un effetto negativo sulla dinamica dei prezzi di Latte e Burro. Le quotazioni di questi due merci avevano raggiunto i massimi pluriennali la scorsa settimana e, considerando che la città cinese dovrebbe rimanere chiusa per altri 10 giorni, i commercianti si aspettano ulteriori ribassi nel breve-medio periodo.

Alimentari tropicali

Grafico 7: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari tropicali
Performance famiglia alimantari tropicali

Scivolano i prezzi di Caffè e Cacao, registrando flessioni intorno al -0.8% (MA a 3 gg). Secondo i commercianti, il mercato della qualità arabica è in area tecnicamente ipervenduta e maturo per una correzione al rialzo tra le notizie positive sulla domanda e il tempo secco nel Brasile, il principale produttore.
Si consolida il sentiero di crescita dell’Olio di Palma, arrivato a quota 1384 €/ton nella giornata di martedì 19 aprile.

PIANTAGIONI

Grafico 8: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia delle Piantagioni
Performance famiglia piantagioni

Concludiamo questa rassegna segnalando il cambio di passo per i contratti sul Legname di Conifere statunitense, che a partire da marzo aveva avviato una fase ribassista, terminando la settimana con un rialzo di oltre il +6%.