Prezzi del rame e prezzi del gas: due dinamiche opposte

Una overview sulle tendenze in atto nel panorama delle commodity

.

Gas Naturale Rame Settimana Finanziaria Materie Prime

Questa settimana le dinamiche dei prezzi sono tra loro molto differenziate, con alcuni prezzi che stanno registrando crescite significative ed altri in netta diminuzione. I prezzi più rappresentativi di queste due situazioni sono il prezzo del gas al TTF e il prezzo del rame al LME, riportati nel grafico che segue.
Nel grafico i prezzi sono trasformati in indice (media di aprile 2022=100), per poter confrontare le loro dinamiche.

Indici dei prezzi del gas (TTF) e rame (LME)
Grafico Indici dei prezzi del gas (TTF) e rame (LME)

 

Come è possibile notare dal grafico, dall'inizio di giugno i due prezzi stanno avendo traiettorie opposte: i prezzi del gas in Europa registrano forti crescite, sostenute dalla riduzione delle forniture di gas dalla Russia. La società Gazprom ha infatti da tempo ridotto i flussi verso l’Europa e ci si aspetta che si ridurranno ancora, ufficialmente, per ulteriori interventi di manutenzione da tempo programmati, in realtà quale ritorsione da parte della Russia per il sostegno europeo all'Ucraina. Secondo gli esperti, le attuali forniture di gas attraverso il gasdotto Nord Stream si sono ridotte del 60% rispetto ai livelli di maggio.
Inoltre anche la Norvegia ha in questi giorni ridotto le proprie forniture di gas a causa di scioperi dei dipendenti che lavorano nel settore e anche questo ha sostenuto i livelli dei prezzi del gas.

All'opposto, i prezzi del rame stanno registrando una fase significativa di diminuzione, a fronte di un ciclo industriale mondiale in forte rallentamento.

Come per il gas e per il rame vi sono prezzi le cui variazioni sono prevalentemente guidate da restrizioni effettive o temute di offerta e altri prezzi in cui dominano gli effetti di domanda.

ENERGIA

La heatmap che segue riporta una overview dell’andamento dei prezzi dei prodotti energetici.
Oltre agli aumenti del prezzo del gas, per le ragioni che sono state descritte sopra, si registrano continui aumenti del prezzo del carbone.
Il prezzo del petrolio è, invece, in diminuzione. In questo caso le preoccupazioni di un rallentamento del ciclo economico mondiale pesano di più delle aspettative di una diminuzione dell'offerta di petrolio russa.

Tra i prodotti energetici la diminuzione più accentuata è registrata dal prezzo della benzina quotato al CME, che segna una variazione settimanale inferiore al -6%.

HeatMap dei prezzi degli energetici
HeatMap dei prezzi dei degli energetici

 

METALLI

La heatmap che segue riporta una overview dell’andamento dei prezzi dei metalli non ferrosi. Tra i non ferrosi non solo il rame, ma anche nichel e zinco, hanno registrato forti diminuzioni dei prezzi. Una performance più negativa è stata registrata anche dalle leghe di alluminio, che segnano una variazione settimanale inferiore al -10%. Anche in questo caso pesano le preoccupazioni di un rallentamento del ciclo economico mondiale.

HeatMap dei prezzi dei metalli non ferrosi
HeatMap dei prezzi dei metalli non ferrosi

 

Anche i prezzi in Europa metalli ferrosi presentano al loro interno una significativa divaricazione, in relazione alla diversa congiuntura della domanda: da un lato, i prodotti piatti, che risentono della caduta della loro domanda; dall'altro, i prodotti lunghi, i cui prezzi sono sostenuti dal lungo ciclo europeo delle costruzioni.

HeatMap dei prezzi dei metalli ferrosi
HeatMap dei prezzi dei metalli non ferrosi