Il prezzo dello stagno LME si conferma sui massimi storici

Livelli delle quotazioni raddoppiati negli ultimi 12 mesi

.

Non Ferrosi LME Determinanti dei prezzi

Il prezzo dello stagno al London Metal Exchange (LME) ha registrato nelle scorse settimane un nuovo massimo storico. In particolare, lo scorso 25 novembre le quotazioni del prezzo spot hanno sfiorato quota 41000 dollari per tonnelata.
La corsa dello stagno è riportata nel grafico che segue, in cui viene illustrata la dinamica giornaliera del prezzo spot quotato al LME, espresso in dollari per tonnellata (fonte: DailyDataLab).

Prezzo giornaliero Stagno LME, $ per Ton
Prezzo giornaliero Stagno LME, $ per Ton

Il grafico mostra come le quotazioni dello stagno abbiano raggiunto il livello minimo degli ultimi 5 anni, pari a 13388 dollari per tonnellata, il 19 marzo 2020, nella fase iniziale della crisi sanitaria. Dopo aver toccato tale punto di minimo, il prezzo ha iniziato a crescere quasi incessantemente fino ad arrivare al massimo storico di novembre 2021, pari a 40950 dollari per tonnellata, registrando un tasso di variazione percentuale superiore al +205%.

Il principale fattore che ha contribuito alla crescita delle quotazioni dello stagno è lo squilibrio tra domanda e offerta che si è venuto a creare in seguito alla crisi sanitaria e alle misure di lockdown intraprese per farvi fronte. Quest’ultime hanno infatti sostenuto la domanda di dispositivi elettronici (che utilizzano lo stagno), mentre l’offerta, proprio per le chiusure, si è ridotta.
Tale deficit ha continuato a verificarsi anche in seguito all’allentamento delle misure di lockdown, poiché l’offerta non è riuscita a stare al passo con la crescita della domanda. Inoltre, la ripresa dell’economia mondiale e gli incentivi alla transizione energetica hanno ulteriormente favorito la domanda di stagno proveniente dai quei settori, quali ad esempio l’automotive e quello dell’energia solare, chiamati a sostenere tale transizione.
Nella prima parte del mese di dicembre la crescita del prezzo spot è rallentata, sebbene le quotazioni rimangano poco sotto il punto di massimo storico.

Effetti sul mercato reale

L’andamento del prezzo sui mercati finanziari, nel caso dello stagno, si riflette quasi istantaneamente sui prezzi del mercato reale. Un benchmark di riferimento del mercato reale è il prezzo doganale, derivante dai flussi commerciali dei paesi dell’Unione Europea.
Il grafico che segue mette in evidenza la relazione esistente tra la quotazione spot e il prezzo doganale dello stagno.

Confronto dati mensili, € per Ton

Come si può notare dal grafico, i prezzi sono caratterizzati da una dinamica sostanzialmente comune. Ciò indica dunque che il mercato dello stagno è un mercato globale e ciò che si verifica sui mercati finanziari tende ad avere effetti quasi immediati sul prezzo di riferimento dei mercati reali. Inoltre, le due quotazioni presentano gli stessi livelli di prezzo.
Nei prossimi mesi, pertanto, qualora il rallentamento delle quotazioni spot continuasse è plausibile attendersi un effetto immediato anche sui mercati reali.

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia