Covid-19: una paura da esorcizzare

Settimanale metalli non ferrosi LME - Commento del 17 febbraio 2020

.

Non Ferrosi LME Analisi settimanale LME

DINAMICA SETTIMANALE

Andamento non ferrosi

 

Nella scorsa settimana c’è stato un rimbalzo dei prezzi che ha interessato 5 metalli su 6. In evidenza il rialzo del nichel. Le quotazioni dell’indice LMEX sono risalite sopra quota 2600 $. L’indicatore di momentum che misura la forza del trend in atto è in zona neutra. La chiusura settimanale è sotto le medie mobili a 20, 40 giorni (indicazione ribassista) e sopra quella a 10 giorni (indicazione potenzialmente rialzista). La volatilità è alta.

COMMENTO MACROECONOMICO E PROSPETTIVE

Il coronavirus è stato ribattezzato Covid-19. Secondo gli esperti, il picco del contagio potrebbe essere raggiunto tra metà e fine febbraio. Intanto, se è certo che l’epidemia sta avendo degli effetti negativi sull’economia globale, le Borse vedono la fine dell’emergenza e rimbalzano.

Sembra sia diminuito il rischio di un rallentamento dell’economia cinese e, secondo i mercati azionari, se vi sarà comunque un rallentamento, questo sarà soltanto temporaneo. Gli indici azionari delle piazze principali, a cominciare da quella di Wall Street, hanno aggiornato i nuovi massimi. Gli investitori hanno venduto i beni rifugio (titoli pubblici americani, Bund tedeschi e oro) per acquistare azioni. Lo spostamento dei capitali ha riguardato anche il comparto delle commodity, dal petrolio ai metalli.

Si potrebbe dire che i mercati stiano cercando di esorcizzare la paura di una recessione globale, di cui esistevano già segnali prima dell’esplosione della crisi legata al coronavirus. Tuttavia, tale atteggiamento non si riscontra nell’economia reale.

Sulla base dei segnali di arretramento economico in Europa, la Commissione Europea ha diffuso stime di crescita moderata per il 2020: l’economia dell’eurozona crescerà del 1.2%, Germania e Francia dell’1.1%, l’Italia solo dello 0.3%. Inoltre, sussistono rischi di revisione al ribasso. Infatti, se si possono considerare archiviati alcuni fattori di crisi, nuovi fenomeni hanno fatto il loro ingresso sulla scena.

Andamento dei mercati finanziari e delle materie prime
Gli indici generali dei prezzi delle materie prime, CRB e GSCI, la settimana scorsa, hanno messo a segno un rialzo significativo. Idem l’indice dei prezzi dei metalli non ferrosi-LMEX, grazie al rialzo dei prezzi di tutti i metalli tranne lo zinco. In rialzo anche i prezzi del petrolio, nonostante la flessione dei consumi di inizio 2020. L’EIA (Energy Information Administration) prevede che i consumi nella prima parte dell’anno, pur in flessione, saranno comunque maggiori rispetto al 2019 e complessivamente nel 2020 saranno più alti. In rialzo i prezzi di tutti i preziosi. Sul fronte valute, rialzo del dollaro americano, che si rafforza contro le principali valute, e ribasso dell’euro, che sconta i dati economici non buoni pubblicati nei giorni scorsi.