Materie Prime: i trend della settimana finanziaria

Una overview sulle tendenze in atto nel panorama delle commodity

.

Energetici Ferrosi Fibre Tessili LME Coils a caldo Settimana Finanziaria Materie Prime

La conclusione della settimana finanziaria ci fornisce l’opportunità di presentare il quadro congiunturale del mercato di borsa delle commodity. Riprendendo la metodologia usata in Materie Prime: i trend della settimana, in questo articolo documentiamo i trend in atto nel panorama delle commodity, confrontando gli andamenti di settimanali, mensili e annuali.

METALLI

Grafico 1: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia dei Metalli
Performance famiglia dei Metalli

I forti rincari che hanno contraddistinto il complesso energetico continuano ad impattare sulla performance dei Metalli. Nel corso di questa settimana lo Stagno spot è volato verso il nuovo massimo assoluto, chiudendo la settimana a 39 mila euro per tonnellata (+5.7% su base settimanale). Sempre su base settimanale, il Nichel quotato a LME è tornato sui massimi di agosto 2011, registrando un balzo dell'8% (spot) e del 6% (future).
Frena la fase rialzista dei prezzi di Molibdeno e Cobalto, con una variazione settimanale dello spot rispettivamente pari al 0.2% e -0.03%, mentre, su un'arco temporale di lungo periodo, gli incrementi supearano il 70%. Durante il corso dell'anno, il mercato del molibdeno è stato fortemento segnato dai rincari del prezzo di acciaio e gas, con quest'ultimo che è un consumatore tradizionale di acciaio ad alto contenuto di molibdeno per le condutture.
Come segnalato in un precedente articolo, si conferma la tendenza al ribasso delle quotazioni dei Coils a caldo: sebbene lo spot stia fornendo dei fievoli segnali di crescita (+ 0.2%), il future sul sottostante chiude la settimana finanziaria a -3.21%.

ENERGIA

Grafico 2: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia dell'Energia
Performance famiglia Energia

Dopo mesi di drammatica crescita, continua il ripiegamento dei prezzi del gas Europeo. Su base settimanale, il prezzo spot del Gas Olanda segna un -12%, -12.6% per il Gas UK e -13.5% per il PSV italiano. Sebbene in un’ottica di medio periodo il bear trend del gas stia portando sollievo sul mercato europeo, il dato di lungo periodo evidenzia che le tensioni sui prezzi sono ancora ben lontane dall’essere superate, con tassi di crescita anno su anno superiori al 200%. Da segnalare la dinamica in controtendenza dell'Gas Henry Hub, che sale del +17% su base settimanale. Tale dinamica settimanale è stata guidata dal calo della produzione di gas nazionale e il peggioramento delle previsioni metereologiche che preannunciano al riduzione l'offerta statunitense.
Continua il rally di Petrolio e Carbone con variazioni che oscillano tra il 3 e il 7%.

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia

ALIMENTARI

Alimentari da coltivazione


Grafico 3: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari da coltivazione
Performance famiglia alimantari da coltivazione

Dopo un inizio settimana incerto i prezzi dei Semi di soia quotati al CME sono significativimente aumentati nella giornata di giovedì 20 gennaio, spingendo lo spot a 13 euro per bushel (+2.5% su base settimanale). Secondo gli operatori, una combinazione di speranze di esportazione in aumento, preoccupazioni per il raccolto sudamericano e acquisti tecnici che hanno spinto i prezzi ai livelli di massimo degli ultimi sette mesi. In rialzo anche l’Olio di semi di soia che segna un +6%, mentre la Farina di soia rimane in territorio negativo.
Grava incertezza sul prezzo di Frumento (+4.3%) e Mais (+2%), dato che la situazione tra Ucraina e Russia continua ad aggravarsi. Ucraina e Russia sono tra i principali paesi esportatori di mais e grano e qualsiasi interruzione delle loro capacità di esportazione avrà sicuramente un impatto sui prezzi dei cereali.
Nel frattempo non si arresta il bull trend dello Zucchero grezzo 11, che chiude la settimana al +4.6 (spot) e +4.4% (future).

Alimentari da allevamento


Grafico 4: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari da allevamento
Performance famiglia alimantari da allevamento

I prezzi dei Suini al CME sono balzati giovedì 20 gennaio. Le quotazioni spot volano al +7.7%, mentre il future segna il +5.7%.
Da segnalare il crollo delle quotazioni a termini sul Burro che registra una variazione settimanale del -5.3%, contro una variazione mensile di oltre il 10%. Nel corso della settimana si è dunque esteso lo spread tra future e spot, che dal 5 gennaio è in backwardation.

Alimentari tropicali

Grafico 5: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari tropicali
Performance famiglia alimantari tropicali

In rialzo il future sull'Olio di palma che è salito del +7%; mentre continua il ripiegamento del future sul Caffè robusta che scende del -0.5%

PIANTAGIONI

Grafico 6: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia delle Piantagioni
Performance famiglia piantagioni

Concludiamo la rassegna documentando l’andamento dei prezzi delle Piantagioni. Mentre si allarga lo spread fra prezzo spot e future del Legname, si preannunciano nuovi rialzi sul prezzo del Cotone. I derivati sul cotone ICE sono saliti di oltre il 4% questa settimana, dopo che il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha abbassato la produzione degli Stati Uniti e le stime delle scorte per l'anno in corso.