A fronte di una flessione dei prezzi del legname di conifera il legno di abete è in ripresa

Il mercato europeo sta registrando un divario nei prezzi del legname di conifera, che favorisce il legno di abete

.

Legno e Carta Congiuntura

Con il termine legno si intende la materia prima, mentre il legname è l’insieme di tavole e pezzi di legno utilizzati nell'industria, in falegnameria e nell'edilizia. Con legna, infine, si intendono i pezzi di rami o di tronchi d'albero da ardere.

In questo articolo viene analizzato il mercato del legname e, in particolare, dei tronchi per sega e del legno in successive fasi di lavorazione. L’Europa importa grandi quantità di legno di conifera, nello specifico di abete e di pino, per cui viene svolta un’analisi inerente a questi due mercati.

Nel seguente grafico sono riportati i prezzi in euro dei tronchi per sega rispettivamente di abete e pino. Prezzo in livelli dei tronchi per sega Questo mercato è prettamente concentrato in Europa: il 33% delle importazione europee, infatti, proviene dalla Repubblica Ceca, seguita dalla Germania con il 16%.
L’analisi storica del legname di conifera evidenzia un fase di forte tensione iniziata nel gennaio 2006 che ha portato i prezzi del legname di pino e di abete a toccare un massimo storico di 140 € per tonnellata nel gennaio 2008.
Nel lungo periodo i due beni hanno registrato dinamiche simili. Dal 2017 il prezzo del pino e dell’abete seguono però due dinamiche ben diverse. A partire dalla fine del 2015 i prezzi hanno subito una flessione, laddove il mercato del pino ha continuato a scendere, mentre il prezzo dei tronchi di abete si sta riprendendo ma è ancora al di sotto dei livelli del 2015. La causa risiede nel declino dell’ industria della segheria. La scarsa domanda di tronchi per sega provoca un eccesso dal lato dell’offerta, che inevitabilmente porta ad un ribasso dei prezzi.

In questo secondo grafico vengono riportate le serie dei prezzi in euro del legno segato e del legno segato e levigato, rispettivamente per il pino e l’abete. Prezzo in livelli del legno segato, segato e levigato L’andamento dei prezzi conferma che il mercato sta favorendo il legno di abete, a fronte di una diminuzione del legno di pino, anche in successive fasi di lavorazione. Altra analogia rispetto al precedente grafico sono prezzi particolarmente elevati registrati nel triennio 2006-2008.

In quest’ultimo grafico sono riportati in indice (2017=100) la media dei prezzi in euro dei tronchi e del legno segato di conifera (sia pino sia abete) importati dai paesi UE (rappresentativi del mercato europeo) e l’indice del legname del Chicago Mercantile Exchange (CME), rappresentativo del mercato americano. Prezzo in indice dei tronchi per sega, del legno segato e CME È evidente il diverso andamento degli indici delle importazioni europee e del CME, dovuto alla limitata interazione tra i due mercati. A partire dalla metà del 2015, il prezzo del legname del CME è aumentato del 46%, contrariamente quello europeo è in calo. L’aumento del prezzo del legname USA è dovuto dall’imposizione di tariffe antidumping sulle importazioni USA dal Canada, che hanno causato un rincaro dei prezzi del legname su tutta la filiera del mercato Nordamericano, senza però avere ripercussioni, fino ad ora, sul mercato europeo.