Materie Prime: i trend della settimana finanziaria

Una overview sulle tendenze in atto nel panorama delle commodity

.

Alimentari Energetici Non Ferrosi Caffè Arabica Grano Settimana Finanziaria Materie Prime

La conclusione della settimana finanziaria ci fornisce l’opportunità di analizzare il quadro congiunturale sui più importanti mercati di borsa delle commodities, confrontando gli andamenti settimanali, mensili e annuali. Questa settimana la Borsa di Shanghai (SHFE) si è riposata in attesa di festeggiare il Capodanno 2022, che segna l’entrata nell’anno della Tigre. Data la chiusura del mercato, nei grafici proposti di seguito le variazioni delle quotazioni sul mercato cinese sono rimaste ferme alla data di venerdì 28 gennaio. Malgrado la limitatezza delle transazioni, per diverse materie prime è stata una settimana all’insegna di significative oscillazioni. In questo contesto, é da segnalare la prosecuzione del rallentamento del prezzo del Gas Europeo, dopo il rimbalzo della scorsa settimana.

NON FERROSI

Grafico 1: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia dei Metalli non ferrosi
Performance famiglia dei Metalli non ferrosi

Il complesso generale dei metalli Non Ferrrosi chiude la settimana senza troppi scossoni, grazie a un dollaro più debole1 e alla limitatezza delle transazioni per la chiusura della borsa di Shangai. Il Piombo LME è in declinio e sia i contratti lunghi che corti hanno ridotto le loro posizioni di circa il -6%. Al London Metal Exchange, il Rame spot è scivolato dell’-1%, spinto al ribasso dalla debolezza del dollaro e dalle preoccupazioni che gli aumenti dei tassi della banca centrale possano frenare la crescita.
Chiude in calo anche l’Alluminio (variazione settimanale spot -2.2%), allontanandosi dai suoi recenti massimi. É probabile che la diffusione di segnali di aumento delle consegne di gas russo stiano allentando il rischio di ulteriori interruzioni da parte delle fonderie europee, innescando meno pressioni sul prezzo dell’alluminio.

FERROSI

Grafico 2: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia dei Metalli ferrosi
Performance famiglia dei Metalli ferrosi

Questa settimana i contratti futures a breve termine su Rottami e Tondini provenienti dalla Turchia hanno registrato guadagni superiori al +5%. Secondo alcuni analisti, tale dinamica dovrebbe essere un fenomeno temporaneo dovuto al sopraggiungere dell’inverno che ha rallentato i tassi di raccolta del rottame nelle principali aree che esportano verso la Turchia.
Nel frattempo, nonostante la settimana di vacanza, il prezzo future dei Minerali di Ferro continua a salire a Singapore (+12%), estendendo i propri guadagni mensili +20.3%.

ENERGIA

Grafico 3: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli Energetici
Performance famiglia Energia

Dopo un inizio settimana incerto dovuto ai deboli dati sui salari statunitensi, i prezzi del Petrolio hanno chiuso in ripresa. Il greggio WTI spot è salito del +3.3%, mentre il Brent si è fermato al +0.65%.
I Diritti europei sulla CO2 hanno superato i 96 euro per tonnellata, raggiungendo un record storico. Considerando la forte volatilità del mercato durante il corso dell’anno, con una variazione annua di oltre il 180%, gli investitori si aspettano che nelle prossime settimane i diritti di emissione possano raggiunge le tre cifre. In compenso sul mercato del Gas Europeo si comincia finalmente a vedere qualche segnale di distensione. I paesi europei stanno importano volumi da primato di Gas naturale liquefatto e la caccia a fornitori alternativi sta facendo risalire anche i flussi provenienti da Gazprom. In controtendenza il Gas Americano, che chiude la settimana in rialzo (28.6% prezzo spot).

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia

ALIMENTARI

Alimentari da coltivazioni


Grafico 4: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari da coltivazioni
Performance famiglia alimantari da coltivazione

In linea generale, sul fronte degli alimentari da coltivazioni si confermano i trend osservati la scorsa settimana. In ribasso lo Zucchero con variazioni settimanali che oscillano tra il -2.3% e il -1.4. Secondo quanto riportato da Reuters, lo zucchero è attualmente spinto al ribasso dai buoni raccolti avvenuti al di fuori del Brasile, avvertendo che i dubbi in merito all'andamento del prossimo raccolto in Brasile, il principale produttore di zucchero, potrebbero far cambiare presto tale dinamica.
Prosegue il trend rialzista dell'Avena, il cui prezzo spot ha raggiunto i 6.4 euro per bushel (+11.2%).Inoltre, si è esteso lo spread tra future e spot, che da dicembre è in backwardation.

Alimentari da allevamenti


Grafico 5: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari da allevamenti
Performance famiglia alimantari da allevamento

Durante la scorsa settimana finanziaria, i derivati sui Bovini del Chicago Mercantile Exchange hanno raggiunto i massimi di aprile 2017, sostenuti da un miglioramento del ritmo di macellazione degli Stati Uniti e dai segni di una mandria di bestiame degli Stati Uniti in calo. Nell'ultima sessione della settimana, tuttavia, i prezzi dei bovini hanno perso tutto il terreno guadagnato, chiudendo con una variazione settimanale di circa il -0.6%. Cedono anche le quotazioni spot dei Suini (-3.8%), mentre cresce moderatamente il prezzo del future, arrivando a sfiorare l'euro per libbra (variazione settimanale del +0.5%).

Alimentari tropicali

Grafico 6: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia degli alimantari tropicali
Performance famiglia alimantari tropicali

I futures sul Caffè arabica hanno chiuso venerdi 4 febbraio a 2.1 euro per la libbra, dopo un gennaio leggermente al di sotto dei massimi mensili. Il rally della qualità arabica continua ad essere sostenute dal lento ritmo delle esportazioni dal primo produttore Brasile e dalla riduzione delle scorte certificate ICE, portandolo ad una variazione su base annua di oltre l'+85%.
Da segnalare la forte divergenza delle quotazioni sull'Olio di Palma, tornate, nella giornata di martedì 1 febbraio, in backwardation. Come si nota dalla tabella, sebbene sul mercato a pronti il prezzo abbia sperimentato una crescita settimanale del +4%, il future registra una contrazione del -6.4%.

PIANTAGIONI

Grafico 7: Performance dei prezzi giornalieri della famiglia delle Piantagioni
Performance famiglia piantagioni

Concludiamo la rassegna segnalando che i derivati sul Cotone sono leggermente in flessione, e chiudono la settimana registrando tassi di variazione settimanali inferiori all' 1%. In rialzo anche i prezzi del Legname di conifere sul mercato nord americano, che registrano incrementi settimanali superiori al 3%.

1. Il tasso di cambio euro-dollaro ha chiuso la settimana finanziaria con un deprezzamento del -2.9%.