Volano i prezzi dell’energia in Europa

Settimanale metalli non ferrosi LME - Commento del 5 luglio 2021

.

Non Ferrosi LME Analisi settimanale LME

DINAMICA SETTIMANALE

Andamento non ferrosi

 

La scorsa settimana, rispetto alla precedente (venerdì su venerdì), è stato registrato un rialzo dei prezzi che ha interessato 5 metalli su 7. In evidenza il ribasso del rame e il rialzo dell’alluminio secondario, seguito da quello del piombo. La quotazione dell’indice LMEX è salita a quota 4163 $. L’indicatore di momentum che misura la forza del trend in atto è in zona neutra. La chiusura settimanale è a cavallo delle medie mobili a 10, 20 e 40 giorni (indicazione di incertezza).

COMMENTO MACROECONOMICO E PROSPETTIVE

Mentre l’economia statunitense corre e si dirige verso un PIL in crescita del 7% e la Cina, benché abbia visto un leggero calo del proprio indice manifatturiero, continua a essere in fase espansiva, in Europa si registrano rincari record per i costi dell’energia.

Questi rincari sono causati dal forte rialzo dei prezzi del petrolio e del gas, che ha registrato i nuovi massimi. Inoltre, i diritti CO2 hanno toccato il nuovo massimo di 58 euro/tonnellata, in rialzo del 140% da inizio anno.

I rialzi del petrolio sono dovuto a una domanda molto alta e un’offerta ben controllata dai vari cartelli, come l’OPEC, che prima di autorizzare una maggiore produzione di greggio si assicurano di non raggiungere l’equilibrio o di sconfinare in surplus. Sul fronte del gas, invece, ci sono delle difficoltà a ricostituire le scorte, anche a causa della russa Gazprom, principale fornitore, che sembra non voglia offrire volumi supplementari. A scatenare l’ultima impennata del gas è stata la notizia che proprio Gazprom, per il quarto mese consecutivo, non ha prenotato capacità di trasporto extra attraverso l’Ucraina, forse per indurre le istituzioni europee a sbloccare l’avvio del Nord Stream 2 Pipeline. Per quanto riguarda i diritti CO2, la domanda delle aziende è altissima.

Intanto, durante le celebrazioni per il centenario del Partito Comunista Cinese, il presidente Xi Jinping ha tenuto un discorso – più rivolto al mondo che al popolo cinese – con il quale ha rivendicato l’orgoglio del PCC per aver ha portato il Paese a un passo dall’essere la prima potenza mondiale.

Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia
Il Dragone ambisce alla supremazia mondiale in campo tecnologico e molte sue aziende sono già leader globali. Il rafforzamento dei rapporti sino-russi è strategico nella competizione geopolitica con l’Occidente, rappresentato da Stati Uniti e Unione Europea. L’espansione cinese in Africa (ricca di materie prime strategiche) è paradigmatica della visione che il gigante asiatico vuole proiettare di sé.

Per l’Unione Europea non sarà facile barcamenarsi tra Stati Uniti e Cina, se non si darà una struttura politica più efficiente in grado di esprimere un vero e proprio governo, che risponda al solo parlamento.

Andamento dei mercati finanziari e delle materie prime (scorsa settimana)
Il dollaro americano, dopo la fiammata delle settimane precedenti, ha rallentato la corsa.
CRB Index: prezzi in rialzo.
Metalli non ferrosi: prezzi in rialzo.
Petrolio e gas naturale: prezzi in rialzo.
Noli marittimi: prezzi stabili.
Metalli preziosi: prezzi in rialzo, escluso l’oro.