I semiconduttori: analisi dei prezzi di importazione negli Stati Uniti e in Europa

Cosa sta determinando il forte rincaro dei prezzi dei semiconduttori?

.

Dispersione prezzi Componenti elettroniche Determinanti dei prezzi

Uno dei temi ricorrenti del 2021, sulle catene di fornitura globali, sono stati i semiconduttori1, in particolare chip e circuiti integrati2.
Ma che cosa sono i semiconduttori? Si tratta di materiali speciali che vengono utilizzati per realizzare le componenti alla base dei chip, elemento fondante di molti prodotti tecnologici utilizzati quotidianamente. Come dichiarato dalla Semiconductor Industry Association, l’associazione industriale statunitense del settore, i chip rappresentano il cervello dell’elettronica e permettono il funzionamento delle moderne tecnologie. Il loro utilizzo è quindi di fondamentale importanza.

Carenze di semiconduttori

Il 21 giugno The Wall Street Jounal, intitolava in prima pagina: "Chip Shortages Are Starting to Hit Consumers. Higher Prices Are Likely", segnalando come l'aumento dei prezzi alla produzione si sarebbe presto tradotto in un aumento anche dei prezzi al consumo. Sempre a giugno 2021 nel numero 4 del Bolettino della BCE è stato pubblicato l'articolo The semiconductor shortage and its implication for euro area trade, production and prices in cui sono state riportate le prime evidenze statistiche dei ritardi di consegna dei chip. Su molti giornali del mondo, foto come queste venivano usate per documentare i magazzini vuoti delle imprese utilizzatrici.

Fonte: New York Times

Aumento dei prezzi

Con il mese di settembre, su molte riviste e blog, sono iniziati a comparire articoli con titoli: "Bosch ESP chip price reportedly rises to over 300 times its original price on black market", creando il panico tra gli utilizzatori di componenti elettroniche e un sentiment generalizzato di accettazione degli aumenti di prezzo elevati. Contemporaneamente, sono iniziate a girare notizie di vere e proprie aste al rialzo per l'assegnazione di piccole partite di componenti.
A fine anno è difficile trovare imprese utilizzatrici di componenti elettroniche che non ammettano, magari in privato, di aver accettato prezzi astronomici pur di avere una componente la cui mancanza avrebbe bloccato la produzione.

Il problema con cui si stanno confrontando i buyer, dovuto all'aumento dei prezzi dei semiconduttori, è che non vi è alcun benchmark con cui potersi confrontare per avere anche una prima indicazione sul quale possa essere l'aumento di prezzo di mercato di un dato componente.


Vuoi restare aggiornato sull’andamento dei mercati delle commodity?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter PricePedia!

Visualizza le ultime newsletter Pricepedia

Prezzo delle importazioni USA

La confusione, nel mondo dell'approvvigionamento è molta, soprattutto se si considera che l'informazione veicolata sui mass media sembra completamente smentita dall'unica informazione statistica ufficiale e disponibile sulla dinamica dei prezzi dei semiconduttori: la Federal Reserve Bank of Sant Louis . Nel sito della FRED mensilmente è aggiornato il grafico qui presentato:


Questo grafico riporta l'indice dei prezzi alle importazioni di semiconduttori negli Stati Uniti, prodotto da US Boureau Of Labor Statistics. Esso non segnala, a novembre 2021, nessun aumento di prezzo significativo.
Anche considerando che:

  • l'indice è relativo all'aggregato semiconduttori. Potrebbe quindi nascondere aumenti significativi in alcune componenti, compensate dalla diminuzione dei prezzi di altre;
  • è basato sui Valori Medi Unitari delle importazioni, dati dal rapporto tra una misura espressa in dollari e una espressa in quantità. La misura espressa in quantità può essere fonte di grave distorsioni, data la difficoltà di trovare una misura adatta per esprime le quantità di importazioni di semiconduttori;
Dall'analisi dell'indice non emerge alcun segnale di aumento dei prezzi alle importazioni di semiconduttori. Gli aumenti di prezzo dichiarati delle imprese utilizzatrici sembrano quindi riguardare quasi esclusivamente la fase distributiva, successiva alle importazioni.

E in Europa?

Utilizzando i dati doganali dei 27 paesi UE è stata sviluppata un'analisi della dinamica e della dispersione dei prezzi di alcuni prodotti appartenenti alla famiglia merceologica “Componenti elettroniche”, disponibili da gennaio 2022 nel tool Range di PricePedia.
La dinamica dei prezzi di ciascun bene è così composta:

  • Mediana: indica il prezzo mediano che divide al 50% le transazioni con prezzi inferiori da quelle con prezzi superiori;
  • Area di dispersione: indica lo spazio di dispersione dei prezzi massimi e minimi rilevati nei diversi mesi delimitata da due linee.

A titolo di esempio, nei due grafici che seguono, sono riportate le analisi relative ai processori multicomponenti (MCO) e alle memorie DRAM.

Grafico 1: Dispersione prezzi MCO e memorie DRAM



Dai grafici è possibile osservare come la dispersione dei prezzi dei due beni, molto ampia per la varietà di prodotti inclusi al loro interno, non presenta un andamento crescente, ma tende ad essere costante nel tempo. Ancor di più la mediana all’interno dell’area di dispersione ha un andamento, nell'ultimo biennio, in diminuzione.
La maggior parte dei prezzi riferiti alla merceologia “Componentistica Elettronica” hanno un comportamento che ricalca quello dei prodotti sopra riportati.
In soli due casi si osservano prezzi all'importazione che registrano aumenti significativi. Questo è il caso dei chip di processori e controllori e delle memorie EPROM.

Grafico 2: Dispersione prezzi chip e memorie EPROM



Come è possibile notare dai due grafici, tuttavia, solo nel caso delle memorie EPROM gli aumenti si verificano specificatamente nel 2021 e quindi possono essere imputati ai fattori che hanno caratterizzato la ripresa post-pandemica.
L’aumento dei prezzi dei chip è viceversa un aumento di lungo periodo legato al cambiamento tecnologico di miniaturizzazione, vale a dire la costante tendenza al rimpicciolimento delle componenti, pur mantenendo le medesime funzionalità3.

Conclusioni

Anche per le importazioni UE la situazione che si presenta è simile a quella osservata per gli Stati Uniti con aumenti dei prezzi alle importazioni contenuti e limitati ad alcuni specifici prodotti.
Le determinanti del forte aumento dei prezzi, accusati dalle imprese utilizzatrici, devono quindi essere ricercati in fattori diversi dai prezzi alle importazioni. Queste sembrano dovute alle modalità con cui avviene la fase distributiva delle componenti elettroniche e al diverso potere contrattuale tra distribuzione e imprese utilizzatrici: a fronte del bombardamento di notizie da parte dei mass-media, le imprese utilizzatrici sono corse ad acquistare più componenti di quelle strettamente necessarie, accentuando la situazione di carenza e accettando prezzi nettamente superiori a quelli pre-pandemia.

(1) Letteralmente, i semiconduttori sono materiali (sopratutto a base di silicio) che hanno specifiche proprietà in termini di resistenza al passaggio di corrente elettrica. Poiché gran parte della componentistica elettronica utilizza questi materiali e le loro proprietà, si tende ad utilizzare questo termine per indicare non solo il materiale grezzo, ma anche gli stessi manufatti.
(2) Un chip (lett. "pezzetto") è una componente elettronica composta da una minuscola piastrina di silicio. Questi pezzettini sono le componenti elementari dei circuiti integrati. In pratica è il supporto che contiene gli elementi (attivi o passivi) che costituiscono il circuito. A volte si utilizza il termine chip per indicare complessivamente l'integrato.
(3) In questa circostanza il rapporto valore-peso del passato è minore rispetto a quello attuale.